L’ospite del blog di questa settimana è Valentina Cappanera della Cooperativa Ziguele di Camogli.

Ciao Valentina, benvenuta nel mio blog. Come è nata la vostra cooperativa?
Ziguele è nata grazie ad un bando Coop Liguria Startup nel 2016.
Il nostro progetto è stato selezionato tra più di una novantina di idee imprenditoriali e nasce dall’unione di due realtà: l’Associazione Culturale Ziguele che da sempre si occupa delle visite guidate alla Tonnarella di Camogli e l’Associazione Sportiva Sopra e Sotto il Mare, che effettua soprattutto divulgazione nelle scuole.

Il vostro percorso professionale è molto interessante. Come è composto il vostro staff?
In generale il nostro staff è composto da ecologi, biologi e professionisti del settore uniti per diffondere cultura, scienza e salvaguardia del mare e favorire la valorizzazione delle sue tradizioni e risorse. Nello specifico io seguo le pubbliche relazioni, occupandomi prettamente di gestione di aree marine protette, di impatto di pesca professionale e attività subacquea, pesca sostenibile e consumo consapevole delle risorse ittiche, temi affrontati nella divulgazione e valorizzazione delle attività di pesca di Camogli. Lorenzo Merotto, il nostro socio più giovane, ha grande esperienza come acquarista, sia per passione sia per esperienze lavorative all’Acquario di Genova e come ricercatore al CNR ISMAR, si occupa soprattutto di divulgazione ambientale; Maddalena Fava, anch’ella formata a Scienze ambientali, è divulgatrice, responsabile della comunicazione ed anche consulente sulla gestione dei rifiuti. Infine Luca Tassara, è il nostro subacqueo, il nostro uomo all’havana con una grande esperienza in acqua e nella creazione di eventi e festival per il pubblico.

Promuovere una maggior attenzione all’ambiente, in particolare al mare, è uno dei vostri obiettivi. Quali attività organizzate?
Le nostre attività si focalizzano sulla divulgazione e sensibilizzazione delle conoscenze sull’ambiente marino, la conservazione e tutela del mare, delle sue risorse e le buone pratiche del turismo sostenibile. In particolare, per diffondere le conoscenze dell’ambiente marino e la sua tutela, portiamo avanti un’attività che coinvolge soprattutto il comparto scolastico e che abbiamo chiamato “Il Mare in classe”: si tratta della trasmissione in diretta di un’immersione subacquea dai fondali dell’Area Marina Protetta Portofino attraverso una connessione internet che consente l’interazione con un operatore subacqueo, accompagnati dalle spiegazioni di un biologo. Si tratta di un’attività che ha particolarmente successo anche nel periodo estivo diventando un evento – spettacolo in piazza. Per quanto riguardo la pesca sostenibile, la Cooperativa effettua le visite guidate alla Tonnarella di Camogli, un sistema di pesca storico che si fa risalire al 1600 ed è l’unico impianto per la pesca di pesci di passo cosiddetti poveri rimasti in Mediterraneo.
La diffusione delle conoscenze avviene poi anche attraverso attività su campo quali snorkeling e laboratori didattici che vengono effettuati utilizzando in particolare come punto d’appoggio il Museo della Pesca di Punta Chiappa.

I vostri programmi per il futuro?
Per il futuro vorremmo implementare maggiormente le attività legate al consumo consapevole delle risorse ittiche in particolare portando valore alle specie che hanno poco mercato della Tonnarella di Camogli, quali ad esempio show cooking con chef esperti del settore, cene ed aperitivi “sostenibili” per sensibilizzare sempre di più le persone a pratiche di consumo maggiormente favorevoli all’ambiente. Vorremmo inoltre riuscire ad ampliare la nostra stagione scolastica con la trasmissione dai fondali.