Di workaholic (sindrome da dipendenza dal lavoro) ne ha parlato recentemente in un articolo su Repubblica Chiara Saraceno che il 27 ottobre aprirà con la sua lectio magistralis la 10° Conferenza Internazionale della Comunicazione Sociale di Pubblicità Progresso. Pochi sanno che si tratta di una vera e propria malattia o meglio di un disturbo ossessivo-compulsivo che colpisce in particolare le donne. Qualcuno può pensare che chi dedica la sua vita al lavoro lo fa per uno spiccato senso del dovere. Invece spesso non si tratta di una scelta di vita ma di una vera e propria dipendenza che può mettere in pericolo relazioni sociali, famiglia e salute. Anche se si parla tanto di conciliazione dei tempi, c’è ancora molto da fare per rendere meno gravoso il carico di lavoro che pesa sulla donna. Conciliare il lavoro remunerato con altri impegni, come la cura della famiglia, sta diventando infatti sempre più faticoso. Chi vuole partecipare alla Conferenza può iscriversi utilizzando il form www.pubblicitaprogresso.org/eventi/x-conferenza-internazionale-della-comunicazione-sociale/