Alcuni giorni fa ho partecipato a Genova al convegno sfAmarsi – ambiente, salute, cultura dell’alimentazione in età evolutiva promosso da Helpcode, un interessante confronto per condividere lo stato dell’arte, identificare priorità e proporre misure concrete in materia di contrasto alla malnutrizione infantile e promozione di una sana e corretta alimentazione per tutti i bambini, in Italia e nel mondo.

In questa occasione sono venuta a conoscenza dell’esistenza di aBCD, un acronimo che sta per alleanza Barilla, Coop Italia, Danone. Dalla collaborazione tra questi noti brand nasce ViviSmart un percorso che si sviluppa attraverso i vari elementi della dieta mediterranea e ha l’obiettivo di migliorare le abitudini alimentari e lo stile di vita delle famiglie italiane, con particolare attenzione al benessere dei bambini. ViviSmart è un progetto multicanale che si svolge a scuola e nei punti vendita Coop ma è anche un concorso per premiare le foto che raccontano la voglia di essere Smart.

Per la progettazione e la realizzazione di questo progetto le imprese hanno lavorato con le rispettive realtà dedicate a finalità scientifiche o sociali: Fondazione Barilla Center for Food & Nutrition, Associazione Nazionale Cooperative Consumatori – Coop e Fondazione Istituto Danone.

Cosa c’è di nuovo
La buona notizia è che aumentano le iniziative progettate e gestite insieme da imprese che, per operando in settori diversi, vengono di solito considerate concorrenti. La notizia meno buona è che il percorso per contrastare la povertà alimentare è solo all’inizio: malnutrizione e obesità sono i problemi da risolvere con urgenza.