Il riequilibrio tra le diverse modalità di trasporto è un obiettivo molto importante in Europa ma anche in Italia: ben vengano quindi le occasioni per fare il punto su come affrontare la crescita della domanda di merci in un’ottica di sviluppo sostenibile.
Nei giorni scorsi si è svolta a Roma l’XI edizione del Forum MercinTreno che ha avuto l’obiettivo di promuovere un confronto tra tematiche e attori coinvolti nel settore.
In questa edizione è stata dedicata particolare attenzione ai vantaggi del trasporto ferroviario, ma anche le criticità del comparto e alle proposte per interventi migliorativi finalizzati a una significativa riduzione di emissioni.
Nel 2018 il Gruppo FS Italiane ha lanciato Mercitalia Fast, il primo servizio al mondo di trasporto ferroviario ad alta velocità dedicato alle merci, che alleggerirà la principale arteria autostradale italiana (Autostrada A1) di circa 9.000 camion ogni anno, riducendo dell’80% le emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera rispetto al trasporto stradale.

Cosa c’è di nuovo
L’impegno del Gruppo FS Italiane per la sostenibilità prosegue. Sono tre i principali obiettivi di lungo periodo (2030-2050): incremento dello shift modale oltre che per i passeggeri, anche per le merci; aumento ai massimi livelli della sicurezza sulla rete ferroviaria, stradale e autostradale; riduzione delle emissioni di CO2 per diventare carbon neutral entro il 2050.