L’ospite di questa settimana è Mattia Raffaelli di RoomMate, una piattaforma per rendere la vita in casa semplice e divertente.

Ciao Mattia e benvenuto sul mio blog. Ci spieghi cosa è RoomMate?
RoomMate semplifica la vita a chi condivide un appartamento. Cosa hanno in più i coinquilini che usano RoomMate? Beh, possono:
– gestire spese e bollette: con il pareggio automatico dei conti non ci saranno più debiti in sospeso.
– organizzarsi faccende e cose da fare in modo da non avere più problemi con nessuna commissione.
RoomMate nasce da un’esigenza personale dei fondatori: perché è sempre difficile gestire un appartamento, specie se si convive insieme ad altre persone in un luogo dove ognuno ha i propri ritmi e i propri impegni. In tantissime case ancora oggi si gestiscono le spese e le bollette come 40 anni fa usando carta e penna. Nelle stesse case non esiste inoltre un modo per tenere traccia delle commissioni da svolgere e delle cose da comprare e come risultato si arriva sempre ad una gran confusione, che fa perdere tempo e peggiora sensibilmente la convivenza.
La verità è che il problema non è una mancanza di voglia nel gestirsi, ma una mancanza di strumenti adatti. Strumenti che abbiamo deciso di fornire con RoomMate.

Come è composto il vostro team?
I fondatori sono 3:
– Matteo Bucci, 23 anni, originario di Urbino (PU) e laureando magistrale in Computer Engineering al Politecnico di Torino. Matteo è CEO dell’azienda e sviluppa l’app per Android.
– Mirko Martignon, 22 anni, originario della Val di Fiemme e laureando magistrale in Ingegneria Informatica all’Università di Bologna. Mirko è CTO dell’azienda e sviluppa l’app per iOS.
– Mattia Raffaelli, 24 anni, originario di Rimini (RN) e laureato magistrale in Business & Administration all’Università di Bologna. Mattia è COO dell’azienda e si occupa di Business Development.
A completamento di un team eterogeneo per lo sviluppo di una startup digitale, Francesco si occupa dell’area di design.

Lo scorso aprile avete partecipato a Fit 4 Start in Lussemburgo: come è andata?
La partecipazione al programma di Fit4Start ha avuto per noi un timing perfetto. La nostra espansione all’estero, combinata agli obiettivi del programma, ci hanno permesso di essere selezionati tra le 10 startup – su oltre 250 candidature – aventi accesso al percorso di accelerazione.

Come è nata la collaborazione con Primo Miglio?
Abbiamo conosciuto Primo Miglio grazie al terzo posto conquistato a Dicembre 2018 alla Startup Competition ‘Nuove Idee Nuove Imprese’. Essendo arrivati sul terzo gradino del podio, abbiamo avuto accesso, tra le altre cose, ai servizi offerti da Primo Miglio. È qui che ho conosciuto Simona.

Programmi per il futuro?
Puntiamo ad un’espansione al di fuori dei confini del territorio italiano in quanto abbiamo capito che l’esigenza che risolviamo è globale. La partecipazione al programma Fit 4 Start ci permetterà di farlo, con attenzione alla sostenibilità aziendale.