Di rigenerazione urbana ho parlato più volte sul mio blog. Oggi mi fa piacere dare visibilità a un’iniziativa di Danisinni, un rione di Palermo che ha avviato un progetto di rigenerazione anche (o forse soprattutto) sociale. Alcune settimane fa sono stati inaugurati il Borgo Sociale e il Cortile del buon samaritano, spazi accoglienza e di incontro nel complesso parrocchiale S. Agnese.
L’intervento di ristrutturazione voluto dal Parroco di Sant’Agnese ha trasformato alcuni ruderi in palazzine che, oltre ad abitazioni per situazioni di emergenza, accolgono diverse attività. Al piano terra del Borgo Sociale sarà ospitato un laboratorio per la prima infanzia, funzione indispensabile in un rione con oltre 2.000 abitanti e un alto numero di neonati. In spazi adiacenti sarà ospitata l’associazione delle famiglie con bambini con bisogni speciali. Nell’area del Cortile del Buon Samaritano è stato creato il poliambulatorio parrocchiale e il centro di sostegno psicologico oltre a un’area di accoglienza di ospiti in situazioni di emergenza.
Danisinni è una realtà in cammino costante: un cambiamento che speriamo contamini positivamente altre aree cittadine.

Cosa c’è di nuovo
Interessante anche l’esperienza del Museo Sociale Danisinni nato come naturale evoluzione del progetto curato dall’Accademia di Belle Arti di Palermo e voluto dal Comune di Palermo, che ha avviato un processo di rigenerazione culturale di cui oggi il quartiere è protagonista.