Come in altri ambiti, anche nel CRM gli Stati Uniti fanno scuola. Oltre che per aver creato il primo caso di CRM al mondo (la famosa campagna per il restauro della Statua delle Libertà realizzata da American Express) sono numerose negli USA le iniziative innovative.
Per esempio, la campagna Protecting Futures realizzata da Always, brand di assorbenti igienici di Procter&Gamble. La campagna aveva un duplice obiettivo: da una parte sensibilizzare le consumatrici americane e stimolarle all’acquisto del prodotto grazie al quale l’impresa sosteneva il progetto; dall’altro fornire strumenti educativi per affrontare il tema della protezione sanitaria delle giovani in alcuni Paesi dell’area sub-sahariana.
Un progetto di CRM di successo che ha coinvolto un milione di ragazze in 17 Paesi africani e ha visto un aumento del 10% delle vendite del prodotto negli USA. L’iniziativa è stata realizzata grazie alla partnership con l’organizzazione Girl Child Network (GCN).
Dawn save wild life è un’altra campagna di P&G (Dawn è uno dei detersivi per piatti più venduti negli Stati Uniti) che ha sottolineato l’effetto “collaterale” dei suoi prodotti: l’efficacia nella pulizia degli uccelli sporcati dalle fuoriuscite di petrolio. La campagna partita nel 2010, anno in cui è scoppiato lo scandalo della BP, una vera e propria catastrofe ecologica che ha compromesso la fauna marina del Golfo del Messico, è stata un modo per evidenziare l’efficacia del prodotto.
Come al solito l’America insegna…