Sostenibilità, innovazione, responsabilità sono i pilastri dello sviluppo economico: queste le parole del presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, che nei giorni scorsi ha comunicato la nascita del Manifesto La Responsabilità sociale d’impresa per l’Industria 4.0.
Interessante il video che, pur avendo un approccio istituzionale, sceglie di far parlare imprenditori non particolarmente famosi. La decisione di lasciare l’intervento del presidente in fondo al video è significativa: il cambiamento sarà possibile solo se le imprese più piccole saranno coinvolte.
Questi alcuni dei contenuti del Manifesto: maggiore governance per la competitività; attenzione ai problemi sociali e ambientali; sostegno all’innovazione di modelli di business e strategie aziendali orientate al raggiungimento degli SDGs dell’Agenda 2030; promozione della formazione e della ricerca; supporto a politiche e sistemi di gestione per assicurare l’integrità dei comportamenti e contrastare la corruzione; individuazione di adeguati strumenti di politica economica; sviluppo di partnership pubblico-private e con il terzo settore.
Grazie a questo Manifesto si sottolinea quello che tutti sappiamo: per accelerare il percorso verso lo sviluppo sostenibile è necessario stimolare le aziende medio piccole e convincerle a modificare il loro modo di “fare impresa”.

Cosa c’è di nuovo
Dal punto di vista della comunicazione, interessante l’idea produrre diversi strumenti: un video, un documento articolato, una brochure, un decalogo.